"Dedicare una parte del nostro territorio per la sepoltura di queste vittime è semplicemente un atto di grande umanità", dice il sindaco della città, Roberto Amerusa, che sta conducendo una campagna per costruire il primo cimitero per le vittime della crisi dei rifugiati del Mediterraneo. Â

Amerusa governa una comunità di appena 2.000 persone a Tarsia - una "terra di pace e di solidarietà", secondo un segno nella parte superiore della strada ventosa in città. 

Mentre Calabria rurale può apparire un luogo insolito per un progetto del genere, il sindaco insiste un tale gesto è nel "DNA culturale" di una città che vive con l'eredità del campo di concentramento di Ferramonti.

I rifugiati provenienti da un altro tempo

Fondata da leader fascista Benito Mussolini nel 1940, il campo ospitava più di 3.000 persone, per lo più ebrei stranieri che gli italiani internati lì con l'intenzione di poi spostarli in Germania nazista.

Il trasferimento non è mai avvenuto, e Ferramonti fu liberata dalle forze britanniche nel 1943. 

Fra quelli liberati erano sopravvissuti da un shipwreck. Circa 500 ebrei erano stati raccolti da una nave da guerra italiana nel 1940 dopo la loro barca, la SS Pentcho, è naufragato nel Mar Egeo. Avevano tentato una drammatica fuga lungo il Danubio dal Bratislava.Â

"La storia di queste persone che sono stati salvati dalle acque, inoltre nel Mar Egeo, oggi il teatro di questa ondata migratoria ... rende questa storia sempre più attuale", dice Amerusa. Â

Modello di Ferramonti concentrazione Campa [Rosie Scammell / Al Jazeera]

'Dignità, almeno nella morte'

Un totale di 8.632 persone sono morte o scomparse nel tentativo di raggiungere l'Europa via mare dall'inizio del 2014, secondo i dati delle Nazioni Unite . Mentre molti dei corpi non sono mai recuperati, quelli portati a terra hanno in passato è stata sepolta in vari cimiteri del sud Italia. Â

E 'stata una particolare naufragio - quando 360 persone sono annegate il 3 ottobre 2013 -. Che ha spinto un attivista calabrese per chiedere un ripensamento della pratica di sepoltura un po' a casaccio Â

"Vedendo quelle bare e quelle persone senza nome, perché erano sepolti e quasi tutti continuano ad essere sepolto con un numero, è disumana", dice Franco Corbelli, che si sono avvicinati vari municipi prima che la sua idea è stata accettata a Tarsia. Â

"Dobbiamo dare [loro] la dignità, almeno nella morte ... Ognuno ha un parente, ognuno ha una madre, un fratello, una sorella Se un giorno vogliono andare e portare un fiore o dire una preghiera, dove. andranno? " chiede. Â

Un cimitero di rifugiati

Mettere i piani per un cimitero di rifugiati in moto è scesa a Francesco Sansone, responsabile tecnico di Tarsia, che ha trascorso più di 30 anni di lavoro presso il municipio. Circondato da schemi di progetto e le mappe, si delinea il progetto del cimitero, che comprende un monumento e una cappella. Â

"È necessario prendere in considerazione le religioni, perché sono molto importante", dice Sansone, che spiega le diverse opzioni di sepoltura, incluso lo spazio per urne cinerarie. "Nessuno sa che la religione questi poveri sono da. Si pensa la maggioranza sarebbe musulmana, ma non solo ... anche i cristiani, quindi abbiamo preparato per un po 'di tutto."

Il sito di Tarsia di un ettaro riempie anche un bisogno locale, in quanto non vi è più spazio nella vicina cimitero della città. Piani di Sansone, quindi, includono una grande sezione dedicata agli italiani, separato dal cimitero dei rifugiati Purgatorio Street.

Amerusa dice cittadini erano inizialmente scettici circa l'idea, ma sono venuti intorno ad esso. 

Il sindaco è inoltre a conoscenza di un cimitero rifugiato potrebbe avere benefici finanziari per la sua città, probabilmente attira visitatori e la creazione di posti di lavoro, anche se dice una tale valutazione non è stata una motivazione.

Un segnale di unità

Per le strade di Tarsia, uno locale descrive il progetto come "una bella cosa, per fare questo per i migranti". Unire il dibattito fuori un caffè, dove la maggior parte la conversazione si svolge in spessore dialetto calabrese, un altro uomo dice che il cimitero è "la cosa giusta da fare".

Ma altrove un imprenditore dice che dubita che il governo pagherà per il progetto, che riflette sugli alti costi delle operazioni di soccorso in mare che ha sentito parlare in TV. Â

Una descrizione dettagliata delle figure mette i costi previsti a 4,3 milioni di euro ($ 4,8 milioni), con Tarsia alla ricerca di co-finanziamento della regione Calabria e il ministero degli interni in Italia. Né ufficio era immediatamente disponibile per discutere i piani, che sono stati presentati all'inizio di quest'anno, lasciando Sansone in attesa di una risposta da opere che, dice, può iniziare non appena i fondi sono assegnati. Â

Corrente Tarsia cimitero - come si è visto dal sito proposto per il nuovo cimitero[Rosie Scammell / Al Jazeera] Â

"Purtroppo, [è] la burocrazia in Italia. Essa non dipende da noi, ma a volte ci sono, in questo modo, complici ma anche vittime", riflette. Â

Ci sono speranze a Tarsia che il cimitero potrebbe ospitare molte delle vittime della peggiore naufragio negli ultimi decenni. Il 18 aprile 2015, almeno 800 persone sono state uccise quando la loro barca si è capovolta.

I pochi corpi che sono stati recuperati al momento sono stati sepolti in tombe siciliana, mentre un esercizio italiano è attualmente in corso per aumentare il relitto, all'interno della quale si trovano i resti di centinaia di altre vittime. Â

Ma il capo della commissione mancante persone in Italia, Prefetto Vittorio Piscitelli, che è coinvolto nell'operazione, dice sotto attuali piani restanti 18 aprile vittime saranno seppelliti nei cimiteri in tutta Sicily.Â

Riflettendo sui piani di Tarsia, Piscitelli è positivo circa il concetto ma dice che sembra funzionari che eseguono la Regione Calabria non sono stati molto attivi nel perseguire il progetto. 

"Potrebbe essere buono per dare l'immagine del nostro paese come un paese accogliente e la porta verso l'Europa. Un segnale che i migranti sono i benvenuti", dice lui, paragonando il cimitero a quelli per caduta soldati statunitensi e britannici in Italia. Â

Piscitelli ha anche sentito i suggerimenti che un cimitero rifugiato essere costruito su un terreno sequestrato alla mafia calabrese - il enormemente ricco ndrangheta, che esercita un enorme potere sulla regione impoverita. Ma una tale idea non ha fatto per le fasi di progettazione e quindi il sito Tarsia, che richiedere fino a un anno per costruire, sembra l'opzione più probabile.

Carlotta Sami, un portavoce con sede a Roma per agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite, l'UNHCR, dice dedica un posto per naufragio vittime è buona, anche se un'altra priorità nel trattare con i morti deve essere affrontato.

"La cosa importante è che il sostegno reale è messo in atto per l'identificazione delle vittime e la possibilità di mettere in atto il contatto con i parenti", dice. "Questo dovrebbe essere la priorità. Poi, se c'è la possibilità di ricordare e dare un posto per queste persone di essere sepolti che è positivo e lodevole". Â

Accedi Tarsia che recita: 'una terra di pace e di solidarietà'  [Rosie Scammell / Al Jazeera] Â

Una delle poche vittime sono state identificate è Alan Kurdi, un tre-anno-vecchio ragazzo siriano il cui corpo su una spiaggia turca richiesto una massiccia effusione di simpatia per i rifugiati in fuga verso l'Europa. Â

Amerusa dice che il progetto Tarsia sarà chiamato dopo il bambino siriano, con la speranza che il nuovo cimitero servirà sia come un memoriale per le vittime e un messaggio politico in Europa. Â

"Attraverso questo cimitero vogliamo dare un segnale importante per la società civile. Un segnale di unità, un segnale di umanità, un segnale di civiltà", dice il sindaco."Oggi c'è forse bisogno di grande coraggio, che coloro che rappresentano gli Stati devono avere. Per non pensare alle prossime elezioni, ma le prossime generazioni."

Fonte: Al Jazeera

 

Speciale sul Cimitero dei Migranti del più importante giornale della Svizzera, Neue Zurcher Zeitung

 Speciale sul cimitero dalla svizzera

Reportage del primo storico giornale brasiliano, O Globo

L'ex campo di concentramento si trasforma in cimitero di migranti in Calabria

Sito ospiterà i corpi di profughi morti in naufragi nel Mediterraneo

  •  

  •  

  • Di ADRIANA CARRANCA, O GLOBO

    2016/04/09

    Passato e presente. Il campo dove sarà cimitero: corpi sono sepolti in 70 sedi - Roberto Setton

     

    Tarsia, Italia - Parte di un campo di concentramento, la più grande delle 15 detenute dal fascista Benito Mussolini durante la seconda guerra mondiale, si sta preparando per ospitare il primo morto internazionale cimitero di rifugiati nel Mediterraneo. Oggi, i corpi recuperati sono sepolti in più di 70 località, per lo più in città e villaggi della costa siciliana, e la Grecia e la Turchia. Molte tombe sono identificati solo da un numero. "La maggior parte dei corpi trovati nel Mediterraneo sono sepolti senza identificazione", dice il rapporto di progetto mancante Mediterraneo pubblicato la scorsa settimana, dimostrando che le autorità europee sono impreparati ad affrontare la natura e la portata della tragedia. L'Italia solo di recente ha iniziato a fotografare i corpi e raccogliere campioni di DNA, ma il lavoro è lento, e molti prima di esso, sono stati sepolti senza identificazione.Per la famiglia, semplicemente scomparsi.

    La progettazione di Tarsia, in Calabria, prevede che i corpi non identificati sono sepolti anche nel nuovo cimitero.

    Il Ferramonti di Tarsia Campo, nella regione Calabria, ha ricevuto 3.800 ebrei tra il 1940 e il 1943, quasi tutti gli stranieri catturati dai nazisti e deportati in Italia. Tra di loro c'erano 539 superstiti di un naufragio, salvata da una nave da guerra nel 1940.

    Poco rimane del campo, che si trova in una zona rurale lungo il fiume Crati, a sei chilometri di distanza dalla città di appena duemila abitanti. Sul lungomare è il cimitero locale, dove sono sepolti in una zona riservata, i corpi di ebrei uccisi nel campo - i profughi di occupare la terra vicina.

    - L'idea è quella di essere un cimitero interreligioso - afferma Franco Corbelli, fondatore attivista locale e promotore del progetto.

  •  

    Ferramonti di Tarsia, un ex campo di concentramento nazista gestito da Benito Mussolini durante la Seconda Guerra Mondiale, per essere parte del terreno trasformato in cimitero a ricevere rifugiati e migranti uccisi attraversando il Mediterraneo Foto: Adriana Frown

  •  

    Monia Martorano, che lavora con l'integrazione dei rifugiati a Tarsia, dice che il lavoro avrà un costo di 4,3 milioni di € (15,6 milioni di R $), già in parte finanziato dal governo regionale. Il resto è in corso di negoziazione con il governo centrale e l'UE.

    Costruire Ferramonti ha iniziato una settimana prima dell'ingresso d'Italia nella seconda guerra mondiale. L'intenzione era di deportare i prigionieri alla Germania nazista. Maria Lavorato, che lavora come volontaria, dice che quando i tedeschi vennero a città, il comandante del campo ordinò spiegare nel flag che indica gialla epidemia di tifo locale, risparmiando così i prigionieri trasferiti ad Auschwitz. Il campo fu liberato dalle forze britanniche nel 1943. Circa un migliaio di ebrei sono stati trasferiti su una nave a New York, e sono stati poi permesso di rimanere negli Stati Uniti. Erano rifugiati da allora.

     

     

     

    CIMITERO MIGRANTI ANCHE SULLA STAMPA CATTOLICA TEDESCA

    Rivista Publik Forum(21 settembre 2016)

     

    Ein bisschen Würde

     In Süditalien ist ein Flüchtlingsfriedhof in Planung

     In Kalabrien im Süden Italiens soll der erste internationale Flüchtlingsfriedhof entstehen. Auf 10 000 Quadratmetern Land will die Gemeinde Tarsia eine letzte Ruhestätte für jene einrichten, die auf ihrer gefahrvollen Flucht übers Mittelmeer gestorben sind. »Mit dem Friedhof geben wir ihnen die Würde zurück«, sagt Franco Corbelli, Ideengeber des Projekts und Geschäftsführer der Menschenrechtsorganisation Movimento diritti civili. »Jeder der Ertrunkenen hat eine Mutter, einen Bruder oder eine Schwester. Wenn diese Verwandten Blumen an ein Grab bringen oder ein Gebet sprechen wollen, wo sollen sie hingehen?« Rund vier Millionen Euro sind veranschlagt, die Region hat ebenso wie die Regierung in Rom Unterstützung zugesagt, doch noch sind nicht alle finanziellen Fragen gelöst. Der Bürgermeister von Tarsia, Roberto Ameruso, findet große Worte für das Vorhaben: »Von dieser Idee geht ein Licht aus in diesem für die Menschheit sehr dunklen Moment.« Der Ort soll auch als Gedenkstätte dienen, er soll von Schulklassen genauso besucht werden wie von Regierungschefs. »Alle sollen hierher kommen, um Zeugnis abzulegen und dieses Drama der Flüchtlinge nie zu vergessen, das wir erleben und das weiter andauert«, betont Franco Corbelli. ê Ertrunkene Flüchtlinge: In Tarsia sollen sie, anders als hier in Izmir, würdevoll begraben werden

    Traduzione(con traduttore automatico. Ci scusiamo per gli errori)

    Un po 'di dignità Nel sud Italia, è un cimitero di rifugiati nella pianificazione In Calabria nel sud Italia, il primo cimitero internazionale dei rifugiati deve essere costruito. A 10, 000 metri quadrati terreno, il comune Tarsia vuole creare un luogo di riposo per coloro che sono morti sul loro volo pericolosa attraverso il Mediterraneo. "Con il cimitero, diamo loro la dignità di nuovo", dice Franco Corbelli, direttore creativo del progetto e direttore dell'organizzazione per i diritti umani Movimento DIRITTI civili. "Ciascuno dei annegato ha una madre, un fratello o una sorella. Se questi parenti vogliono portare fiori ad una tomba o una preghiera, dove andare? "Circa quattro milioni di euro è stata proiettata, la regione ha, così come il governo di Roma è impegnata a sostenere, ma ancora tutte le questioni finanziarie non vengono risolti. Il sindaco di Tarsia, Roberto Ameruso, trova grandi parole per il progetto: "Da questa idea di una luce si spegne in questo molto scuro per l'umanità momento" Il sito servirà anche come un memoriale, è di essere visitato da scolaresche e da. governo. "Tutti dovrebbero venire qui a testimoniare e di dimenticare il dramma dei profughi mai che stiamo vivendo e che continua", dice Franco Corbelli. ê profughi annegati: a Tarsia lo fanno, a differenza di qui a Smirne, essere sepolto con dignità

  

 

Lo speciale di RADIO VATICANA - 2 novembre 2015

 105 FM

Mondo \ Italia

Sorgerà in Calabria il cimitero dei migranti

L'area dove sorgerà il cimitero per i migranti a Tarsia, provincia di Cosenza - ANSA

L'area dove sorgerà il cimitero per i migranti a Tarsia, provincia di Cosenza - ANSA

02/11/2015 17:40
 

"Oggi dal Ministero dell'Interno ci sono giunte richieste di ulteriori informazioni sul nostro progetto, mentre la Regione Calabria lo ha già assegnato al settore 'Lavori pubblici' e quindi aspettiamo presto il finanziamento". Il primo cittadino di Tarsia, Roberto Ameruso, nutre buone speranze che vada in porto il progetto per il cimitero internazionale dei migranti morti nel Mediterraneo che dovrebbe essere realizzato nel piccolo comune calabro, in provincia di Cosenza. L'ufficio tecnico comunale ha già redatto un progetto preliminare per questo particolare 'campo santo' che dovrebbe sorgere in un'area di circa 10mila metri quadrati su una collina che domina il lago di Tarsia. 

L'idea del cimitero per i migranti è di Franco Corbelli, presidente del movimento 'Diritti civili', che spiega: "Mi è venuta dopo la tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013. Vedendo le immagini di quelle centinaia di bare di migranti 'senza nome e senza volto', deceduti a poche miglia dell'isola siciliana, ho pensato che bisognava dargli una degna sepoltura. E il giorno dopo ho iniziato questa battaglia di civiltà". "La realizzazione di questo progetto cancellerà la disumanità dei corpi dispersi in tanti piccoli cimiteri e permetterà ai familiari delle vittime di sapere dove andare per portare un fiore e dire una preghiera". "Un'opera a tutela di quello che ritengo un grande valore umanitario", spiega Corbelli, da decenni impegnato come cittadino nelle iniziative di accoglienza dei migranti. 

A incoraggiare il progetto è anche mons. Salvatore Nunnari, arcivescovo emerito di Cosenza-Bisignano. "E' un'iniziativa che dimostra come il popolo calabro sia un popolo ospitale - spiega il presule -   e io sarò tra i primi ad andarlo a visitare e a fermarmi in preghiera". "L'iniziativa è meravigliosa perché dimostra che anche i fratelli stranieri possono sentirsi figli di questa terra. E questo anche grazie al fatto che qui trovano uno spazio di sepoltura tutto per loro". "E' un progetto - continua mons. Nunnari - che dimostra la nostra vicinanza. Il cimitero è il luogo che unisce tutti. Sant'Agostino diceva che la cura delle esequie è spesso una consolazione per i vivi, ma direi anche che il rispetto per i defunti è educazione alla vita. Nel cimitero si impara a vivere". "La mia speranza è che, il giorno dell'inaugurazione di questo cimitero internazionale per i migranti - conclude Corbelli - Papa Francesco possa inviarci la sua benedizione". 


(Fabio Colagrande)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo speciale di fine anno del QUOTIDIANO dedicato a Corbelli e alla sua ultima battaglia